20 Luglio 2016

Il CFP di Pontecorvo chiude i battenti, opposizione all’attacco: «Cassino aspirapolvere»

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa contenente alcune dichiarazioni dell’Opposizione Consigliare di Pontecorvo, nelle persone di Riccardo Roscia, Paolo Renzi, Angela Tribini, Annarita Sardelli e Natascia Di Schiavi Iorio.

«Il Centro di Formazione Professionale di Pontecorvo chiude i battenti. I cinque consiglieri di minoranza della città fluviale hanno voluto interpellare un responsabile diretto della struttura al fine di comprendere le motivazioni della chiusura: “ gli elementi che hanno portato alla chiusura vengono da lontano. Possiamo dire che la sede di Cassino ha fatto un po’ da aspirapolvere – le dichiarazioni rilasciate da un responsabile – cercando di indirizzare tutti i corsi di Pontecorvo nelle sedi di Cassino, abbandonando in un certo senso la struttura. In una decisione così importante è mancata la controparte politica che difendesse a spada tratta la struttura, non portandola alla chiusura.

La scuola nasce come E.N.A.I.P (Ente Nazionale ACLI Istruzione Professionale) nel 1972 gestendo corsi finalizzati all’assunzioni di personale in Fiat, una formazione iniziale per i lavoratori che dovevano essere impiegati ed inseriti negli stabilimenti. Nel 1992 diviene Ente di Formazione che disponeva di corsi indirizzati ai cosiddetti “drop out”, ovvero ragazzi che al termine della scuola media di primo grado hanno cercato di proseguire gli studi nelle scuole superiori ma senza successo. Avevano, dunque, la possibilità di inserirsi in un corso di formazione professionale che iniziava all’età di 16 anni e veniva completato al diciottesimo anno di età. Al termine di questo percorso formativo il ragazzo riceveva una qualifica professionale che gli permetteva di entrare direttamente nel mondo lavorativo, avendo acquisito una specifica preparazione per un mestiere.

Pontecorvo in origine aveva elettricisti e termoidraulici per poi aggiornarsi con tecnici informatici polivalenti. La scuola in questi anni ha erogato, inoltre, corsi anche per adulti, i quali, avendo conseguito un diploma e non avendo intrapreso la strada universitaria, avevano bisogno di acquisire capacità lavorative specifiche. In evoluzione continua, il Centro ha poi visto spostare la delega di gestione dal Comune alla Provincia (2002/2003 con la legge delega che ha trasferito le funzioni alle Province). Ad oggi si registra un ulteriore trasferimento di funzioni che restituisce la delega alla Regione Lazio concedendo la gestione di competenze appunto alla Regione. Analizzando la chiusura in un quadro più ampio possiamo dire che questa scuola era l’unico Centro a costo zero in quanto l’immobile era stato dato in comodato d’uso dal Comune per l’erogazione dei corsi di formazione, non gravando dunque, come invece le altre sedi, sulle spese di affitto.

E’ mancato un supporto politico. Hanno quasi completato il trasferimento degli immobili, ormai il Centro è un vecchio ricordo. E’ finita la storia del Centro di Formazione dal 1972 ad oggi”. L’Opposizione Consiliare di Pontecorvo, nelle persone di Riccardo Roscia, Paolo Renzi, Angela Tribini, Annarita Sardelli e Natascia Di Schiavi Iorio, ha così commentato la chiusura definitiva del Centro di Formazione Professionale di Pontecorvo: “ Dopo la chiusura dell’ufficio postale di Roccasecca e del Giudice di Pace, ecco una nuova chiusura. Il Centro di Formazione Professionale di Pontecorvo ha dato impiego a migliaia di ragazzi, anche in settori importanti come la Fiat. La storia indiscussa del Centro di Formazione ora arriva alla sua fine. L’amministrazione non ha battuto ciglio di fronte a questa ennesima sconfitta della città di Pontecorvo. I cittadini si stanno rendendo conto della dura e triste realtà, c’è bisogno di un passo indietro da parte della giunta comunale, anche nel riformulare le assegnazioni dei vari compiti agli assessori, evidentemente non adeguati”».

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Come vivere tre giorni da sogno nella Città Eterna spendendo una cifra ragionevole senza rinunciare alla qualità del soggiorno.

CRONACA

Sora, 01/04/2020: il mio pensionamento (di Augusto Vinciguerra)

La storia di una vita professionale trascorsa fra passione ed affetto per gli altri. Lo storico medico anestesista-rianimatore dell'Ospedale SS. ...

CORONAVIRUS

Coronavirus, la situazione a Sora: tre nuovi casi "positivi"

Sono tre donne di 56 anni, 76 e 83 anni. I contagiati complessivi salgono a 31, 5 dei quali sono guariti. Le comunicazioni del Sindaco, ...

CORONAVIRUS

Coronavirus: 18 nuovi "positivi" e un decesso oggi in provincia di Frosinone

Il direttore sanitario della Asl è risultata positiva, negativo, invece, il direttore generale.

CORONAVIRUS

Ci ha lasciato Francesco Cervelli

Si è spento presso l'Ospedale "SS. Trinità" in Sora.

CORONAVIRUS

Emergenza Coronavirus: il Sindaco di Sora spiega alle famiglie in difficoltà come ottenere i fondi straordinari

Roberto De Donatis invita i nuclei che hanno problemi economici a farsi avanti: «Non ci si deve vergognare poiché si è ...

CORONAVIRUS

ROMA - Il bollettino dello Spallanzani: scendono ancora i ricoverati

Continua il trend di aumento del numero delle dimissioni in parallelo ad un minor numero di ricoverati Covid-19 positivi.

EXTRA

"Viva l'Italia": il nuovo singolo di Andrea Cianfarani

La musica è una poderosa ancora di salvezza in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo. «Questo video - spiega l'autore ...

CORONAVIRUS

Coronavirus: i casi totali nel Lazio salgono a 3.264, i deceduti a 169

Ecco tutti i numeri aggiornati al termine della giornata odierna.

CORONAVIRUS

Disposizioni emergenza COVID-19: altre quaranta multe dei Carabinieri di Frosinone e provincia

Gli ennesimi cittadini sanzionati sono di: Ceccano, Ripi, Ferentino, Acuto, Sgurgola, Cassino, Cervaro, Sant'Elia Fiumerapido, Atina, Villa Latina, Veroli, Boville ...

CORONAVIRUS

Coronavirus: tornano a salire i "nuovi" positivi. Oggi altre 727 deceduti e 1.118 guariti

Tutti i numeri forniti dal Ministero della Salute attraverso il Dipartimento di Protezione Civile.

CORONAVIRUS

Il COVID-19 colpisce anche la Asl di Frosinone, ma il Dott. Lorusso resta a "combattere" in prima linea

Il Direttore Generale non molla dopo la positività al Coronavirus del Direttore Sanitario, dott.ssa Patrizia Magrini. «Voglio però ribadire ...

EVENTI

Per tutti i bambini parte da Ceccano il contest "COLORAVIRUS"

L'idea nasce per dare risalto alla capacità espressiva e creativa dei bambini in questo periodo di attuale di forzata permanenza ...

CORONAVIRUS

Coronavirus: 169 nuovi "positivi" nel Lazio. Trend in calo, ma guai ad abbassare la guardia

Le misure messe in atto per contrastare il virus stanno dando i risultati sperati, ma è presto per cantare vittoria. Ecco ...