21 Settembre 2016

PONTECORVO – I Carabinieri arrestano il titolare di un’armeria

Un arresto e una denuncia a Pontecorvo. Di seguito la ricostruzione dei fatti a cura del Comando Provinciale dei Carabinieri di Frosinone.

«Nella serata di ieri in Pontecorvo i Carabinieri della locale Stazione, a seguito di un controllo amministrativo eseguito presso un’armeria sita nella giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo, procedevano all’arresto in flagranza di reato di un 32enne, non censito e titolare della predetta attività, ritenuto responsabile di “detenzione illegale di armi comuni da sparo, omessa denuncia e registrazione di armi comuni da sparo e omessa custodia di armi”. Nel contesto di una mirata attività finalizzata al contrasto delle dinamiche delittuose riferibili alla detenzione e al commercio delle armi comuni da sparo, i militari della Stazione Carabinieri di Pontecorvo procedevano al controllo amministrativo della suddetta armeria. Le verifiche effettuate consentivano di rilevare che il prevenuto, sebbene titolare di apposita autorizzazione rilasciata dalla Questura di Frosinone per la detenzione di armi lunghe, finalizzata al conseguente commercio delle stesse, di fatto all’interno della propria armeria, oltre al limite consento dal titolo di polizia, deteneva 79 fucili da caccia di varie marche e calibri. Per tale motivo ometteva l’aggiornamento dei prescritti registri di polizia, la denuncia alla locale Stazione Carabinieri delle armi in carico e l’adeguata custodia delle stesse all’interno dei locali ispezionati. I militari operanti procedevano, pertanto, al sequestro dell’armeria, delle armi ivi custodite e dei registri di polizia relativi alla detenzione e movimentazione delle stesse. Espletate le formalità di rito l’arrestato veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari, ottemperando alla disposizioni impartite dalla competente Autorità Giudiziaria.

Nella mattinata odierna in Pontecorvo i Carabinieri della locale Stazione, a conclusione di attività info-investigativa, deferivano alla competente A.G. un 40enne, già censito per reati contro il patrimonio, ritenuto responsabile di “truffa, possesso e fabbricazione di documenti falsi nonché falsità ideologica”. I militari operanti accertavano che il l’indagato, dopo aver contraffatto una carta d’identità apponendovi la sua effige e i dati anagrafici di un proprio familiare, otteneva l’apertura di una partita iva che avrebbe utilizzato per finalità illecite».

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Tra i 27 premiati anche Guglielmo Mollicone, il caro papà di Serena. Appuntamento alle 18 nella Sala Conferenze della XV Comunità Montana "Valle del Liri".

SPONSOR

Tutti i numeri di un anno magnifico nell'intervista all'amministratore unico, dott. Ennio Mancini, ed al Direttore, Orlando Pizzuti.

SPONSOR

Il 2019 è stato l'anno delle conferme e degli obiettivi raggiunti per l'azienda che si occupa di assistenza familiare.

SPONSOR

Promozione valida fino al 13 Dicembre 2019.